1904"1904" secondo tradizione
  • Home

PRESERVARE LE BOLLICINE

brevetto tappo450

imbottigliatore 2

storia delle bevande gassate

tappo con gomma450

"...1893, Karl Hutter aggiunse al tappo meccanico l’Hutter stopper, un tappino in porcellana provvisto, nella parte inferiore, di una guarnizione di gomma..."

 

QUATTRO SECOLI DI BOLLICINE
>

UN'INVENZIONE INGLESE
>

"SELTZ" TERME D'ALSAZIA
>

PRESERVARE LE BOLLICINE
>

LA BOTTIGLIA CON LA BIGLIA
>

L'INVENZIONE DEL TAPPO MODERNO
>

LE CHIUSURE PER BEVANDE GASSATE


Con l’invenzione delle bevande gassate fu necessario un tappo per tenere la pressione dell’anidride carbonica aggiunta. Nel 1886, negli Stati Uniti d’America nasceva la prima Coca-Cola con tappo di sughero, spesso legato con spago o fil di ferro.
Nel 1872 un altro ingegnoso inglese, Hiram Codd, inventò un nuovo sistema di tappatura a pressione: la famosa “bottiglia con la pallina” che venne utilizzata anche in Italia nel periodo tra le due guerra mondiali. In Italia fu la “gassosa” la bevanda tipica di questa bottiglia. Venne poi la volta del tappo meccanico e nel primo dopoguerra si diffuse l’uso del tappo a corona, ancora oggi utilizzato.

Il tappo meccanico

Inventato nel 1875 da Charles De Quillfeldtnel, il tappo meccanico o Lightning Stopper rivoluzionò l’industria della birra e delle bibite in bottiglia. Il suo design, che ebbe molte imitazioni e qualche occasionale miglioramento, prevedeva invece solo una guarnizione di gomma attorno al tappo di sughero che, penetrando nel collo, sigillava la bottiglia. Questo tipo di tappo era tenuto saldo da un filo metallico che presentava a ogni lato del collo due anelli che agivano da fermi.

Il miglioramento più importante al brevetto originale di Quillfeldt arrivò nel 1893, quando Karl Hutter aggiunse al tappo meccanico l’Hutter stopper, un tappino in porcellana provvisto, nella parte inferiore, di una guarnizione di gomma.
Oltre a essere estremamente facile da aprire e da chiudere, la miglioria apportata al suo “swing top” permetteva ora di modificare la forma delle bottiglie. Non era più necessario che avessero un collo lungo per proteggere il tappo di sughero e questo fornì ai produttori di birra la possibilità di sperimentare e di differenziare i marchi.
Tuttavia, il tappo meccanico Hutter, negli anni Venti, fu superato dall’avvento del tappo a corona.

La mostra permanente si può visitare presso la sede a Lecce